CONTATTI TELEFONICI: 06.5847375 | 393.1601600

Artrosi dell’anca (Coxartrosi)

Definita dall’usura dell’articolazione, sebbene si tratti di una malattia molto frequente negli anziani, tuttavia l’artrosi dell’anca, chiamata anche coxartrosi idiopatica perché non ha una causa nota, non è sempre legata all’età e all’invecchiamento. Quando l’artrosi dell’anca insorge invece per cause note che non dipendono dal passare degli anni, si parla di coxartrosi secondaria. Se trattata precocemente, i sintomi di artrosi dell’anca possono trarre beneficio da trattamenti non chirurgici.

Vuoi approfondire l’argomento >>

Cause

L’artrosi dell’anca (secondaria) può essere dovuta ad alterazioni meccaniche dell’articolazione a seguito di anomalie congenite o meno che provocano usura precoce dell’anca. Tra queste, le più comuni sono:

Sintomi

I principali sintomi di artrosi dell’anca sono:

  • dolore

Artrosi dell'anca

  • rigidità dell’articolazione (difficoltà a compiere azioni come indossare calzini e scarpe, alzarsi da una sedia)
  • difficoltà a camminare, talvolta zoppia

Diagnosi

La diagnosi si effettua in due fasi:

  1. visita specialistica
  2. radiografia dell’anca sotto carico ossia con paziente in piedi

Non sono necessari esami del sangue, TAC o la RMN se non in preparazione per (eventuale) intervento di protesi.

Trattamento non chirurgico

L’artrosi dell’anca non ha una cura ma esistono terapie che limitano i sintomi e rallentano il processo degenerativo:

  • terapie anti infiammatorie con farmaci “leggeri” per periodi prolungati (paracetamolo, ibuprofene, inibitori della COX-2, per esempio) su indicazione medica
  • terapie con integratori quali glucosammina solfato e condroitin solfato, gli unici ad aver dimostrato efficacia nell’attenuare il dolore e aumentare la mobilità articolare in misura superiore agli antinfiammatori e senza effetti collaterali
  • infiltrazioni intra articolari, sotto guida ecografica o radioscopica, con cortisone o farmaci “lubrificanti” come gli acidi ialuronici ad alto peso molecolare che sono un componente essenziale del liquido sinoviale che lubrifica normalmente le articolazioni
  • terapia manuale con mobilizzazioni articolari, esercizi di allungamento e di postura per ottimizzare la funzionalità dell’articolazione
  • effetti limitati con la terapia strumentale anche con l’ausilio delle più moderne apparecchiature come la tecar e ipertermia. Questo è dovuto al fatto che l’anca è una articolazione molto profonda e nella quale esiste una elevatissima concentrazione degli stress in uno spazio relativamente limitato.

Nei casi di coxartrosi avanzata o nei casi resistenti, deve essere presa in considerazione la possibilità di sottoporsi ad intervento di protesi d’anca (scopri di più sullintervento di protesi d’anca>>).

Per maggiori informazioni contatta la nostra equipe